Realizzare una tavola a fumetti #2 – Le matite –

realizzare tavola a fumetti

Questo è il secondo di una breve serie di articoli in cui impariamo a realizzare una tavola a fumetti. Seguiremo tutti i passaggi, dalla prima impostazione dello storyboard alla gabbia, dalle matite all’inchiostrazione e quindi al colore.

Qui il primo articolo!

L’attenzione di questo ciclo di articoli sarà centrata sull’aspetto narrativo delle immagini e su come le immagini raccontano quando sono messe in sequenza.

In questa seconda puntata ci concentriamo su un passaggio tecnico che è direttamente successivo a quello “dell’impostazione” della tavola a fumetti; la definizione delle matite.

Definire le matite è in realtà un passaggio più semplice nella pratica che nei concetti, perché consiste semplicemente nel riportare in bella la bozza fatta per definire la tavola in fase di storyboard.

realizzare una tavola a fumetti

In sostanza si può semplicemente partire ridisegnando la bozza, o lavorando sullo stesso foglio su cui si era cominciata la tavola. Si riprendono le forme di massima, definendo meglio gli spazi occupati e le proporzioni dei corpi, così come quanto spazio occupano gli uni rispetto agli altri nella vignetta.

Il punto di questa fase del lavoro è arrivare ad avere delle matite sufficientemente definite da potere essere inchiostrate. Questo è un fattore che varia da persona a persona, e per alcuni è sufficiente questo livello di definizione per passare all’inchiostrazione. Tuttavia molti hanno bisogno di arrivare ad un disegno completamente definito per sentirsi sicuri nel ripassare a china.

realizzare una tavola a fumetti

Ecco allora che sarà bene, soprattutto per chi è alle prime armi, andare a definire il volto de ragazzo, i pomodori in primo piano, le fattezze dell’uomo dietro al banco della frutta ecc.

Questo livello di definizione, permette di concentrarsi completamente sul segno, avendo già il disegno completo in tutte le sue parti a fare da base.

realizzare una tavola a fumetti

Chiaramente, trattandosi di disegno, la difficoltà non sta tanto in questi concetti, ma nella pratica. Tuttavia questi passaggi sono importanti, perché permettono di tenere progressivamente sotto controllo tutti gli elementi della composizione della tavola.

Nella prossima puntata della rubrica disegnare una tavola a fumetti parleremo appunto di inchiostrazione.

 

Se ti è piaciuto questo articolo ricordati che all’associazione Fantalica c’è il Laboratorio di fumetto Storie di carta, dove si realizzano fumetti, tavole, strisce, si parla di fumetti e graphic novel! Iscriviti!